Quality and ingredients

1Alcohol and fatty alcohols in cosmetics
Food-grade alcohol (Denat. Alcohol in INCI), also known as ethyl alcohol or ethanol, is a volatile, colourless liquid (commonly sold in supermarkets and coloured pink for safety reasons) obtained from the fermentation of fruit sugars or from the starches contained in cereals.
Natural alcohol is completely different from fatty alcohols, obtained by refining mineral oils, used in the cosmetics industry for their soothing properties, similar to paraffin.
However, they are less volatile than ethanol, meaning that they do not evaporate as easily on contact with the skin.
2Properties of Denat. Alcohol in cosmetics
Pure alcohol is extremely well tolerated by the skin, and has the following properties:

• eliminates bacteria
• dissolves fat
• preserves the scent and consistency of the cosmetic
• prevents contamination
• acts as a solvent

It evaporates quickly after application, further reducing the risk of irritation.
3Does alcohol dry out the skin?
A number of studies have shown that ethyl alcohol on the skin does not cause loss of moisture. However, among the characteristics of alcohol are its hygroscopic properties, i.e. the ability to attract water molecules, so excessively dry skin could worsen with the use of cosmetics with high concentrations of this substance.
The solution is to choose quality cosmetics, which, in addition to alcohol, contain effective moisturising and nourishing extracts.
4What is INCI?
NCI is an acronym of International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, used in Europe and in many other countries worldwide to indicate cosmetic ingredients on labels, with the aim of safeguarding consumers from the allergy risks presented by individual ingredients. It is compulsory for all cosmetics sold in the European Union to list ingredients in accordance with the INCI, in descending order of concentration, starting from the main ingredient.
Ingredients accounting for less than 1% may be indicated in any order at the end of the list.
English must be used if the botanical ingredients have undergone any processes before use. If the material has not been processed in any way, the Latin name is used. For colourants, the Colour Index numbers are used.
5What substances do Blue Farm serums contain?
The new generation of Perfect Beauty serums have a booster effect, a cosmetic technology able to offer the skin an extremely powerful, concentrated treatment that has an almost immediate effect. They are authentic concentrates of active ingredients, in which the rule is: 1 + 1 = 3, i.e. the synergy of the properties of the active ingredients is superior to the capacity of the individual parts.
Sold in small bottles with a practical dropper, the booster serums are ultra-concentrated formulas that can contain a single active ingredient, such as Vitamin C, Hyaluronic Acid or stem cells, or a combination specifically studied to obtain a particular effect (to detoxify the skin, nourish or boost hydration).
The ultra-fluid texture allows for both rapid absorption and a greater concentration of the active ingredient. It is also important to point out what the new Blue Farm serums do NOT contain: they are free from parabens, colourants, petrolatums, SLES/SLS and mineral oils.
6What is the “bespoke method”?
It’s now common knowledge that there’s no such thing as “normal” skin, and that no skin presents a single type of flaw.
In an increasingly technological, stressful world, life has become more and more complicated and chaotic, with negative repercussions not only on our lifestyle, but on our mind and spirit, well-being, and unfortunately also on our appearance.
This is why Blue Farm has moved away from the classic system of conceiving face cosmetics by dividing them into specific lines based on skin type (dry, impure, mature, etc.), and has devised a bespoke method based on the current condition of the skin, conceiving products that can all act in synergy with one another.
For example, what kind of cosmetics should be recommended for skin with an excessive production of sebum and impurities?
Going by the classic system, the dedicated cosmetics in the various lines for oily skin are the so-called sebum-balancing and purifying products, designed to remove the superficial “greasy” effect. These products “degrease” the skin, with results that offer only a merely apparent improvement, because all such aggressive treatments do is increase the production of sebum even further, worsening the underlying inflammation. Remember that the purpose of the superficial lipid layer is to protect the skin, and ensuring a proper balance is essential to keep it healthy. Blue Farm takes the opposite approach, focusing on the cause of the skin flaws, i.e. the underlying inflammation and the alteration of the hydrolipidic film. Thus, the main objective is to calm and soothe the inflammation that is the leading cause, and to tackle the pH imbalance that has led to the excessive sebum production.
It appears clear, therefore, that a soothing, moisturising cosmetic - which in the classic system is aimed at sensitive skin - is the best choice to tackle the cause of oily skin. It can subsequently be combined with a purifying product to tackle the effects.
7Can I use a combination of Blue Farm face products?
Blue Farm cosmetics are authentic beauty treatments to take care of the face.
The formulas are studied to ensure they are as skin-friendly as possible, to boost their ability to penetrate the skin’s natural barrier and reach the layers underneath, where the causes of the main skin flaws originate, and therefore where the active ingredients can perform their function as effectively as possible.
The light, water-based textures are pleasant and comfortable, and our creams do not weigh the skin down, avoiding the unattractive oily effect. The various Blue Farm cosmetic products are totally compatible with one another, so as to optimise their performance and obtain the best possible results in the shortest possible time.
8Parabens in cosmetics: how much damage do they really do?
Parabens are antiseptics, so their purpose is to preserve cosmetics from contamination from fungi and bacteria. According to the INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), the parabens with the most negative impact on health are:

• Methylparaben
• Ethylparaben
• Propylparaben
• Isobutylparaben
• Butylparaben
• Benzylparaben
• Isobutylparaben
• Isopropylparaben
Why? They are substances that interfere with the hormone system, in particular with oestrogen activity.

In sensitive subjects, some forms of contact dermatitis are also caused by these endocrine disruptors. Europe has recently banned their use, or for some, has merely placed restrictions on the amounts permitted. One example is Methylparaben - mostly present in cosmetics, shampoos and soaps - and Ethylparaben. At the current concentrations - 0.4% if used alone, or 0.8% if used with other substances - they are considered safe.

Face care

1What are the causes of oily skin?
Sebum production is regulated by hormonal stimuli. Specifically, androgens such as testosterone (which is also present in women) stimulate sebum secretion, while oestrogens tend to block it.
Hormones produced by the surrenal glands, including cortisol, also increase the production of sebum, which is why the underlying cause is often stress-related.
However, there are also genetic factors that increase the likelihood of excessive sebum production, which is often present in several members of the same family.
When the sebum becomes too thick and waxy, it hinders skin breathability and blocks the hair follicles, creating an environment conducive to the development of micro-organisms.
This favours the development of pimples and causes an inflammation that can aggravate acne, which has a different origin, although it is also linked to hormonal mechanisms.
2What to do and what not to do with oily skin.
Oily skin should be treated with specific, delicate cleansers, with the addition where necessary of substances that inhibit the reproduction of bacteria, such as azelaic acid or benzoyl peroxide.
It is essential to avoid excessive cleansing with aggressive detergents, such as alkaline surfactants (present in regular soap bars), which stimulate the skin cells to produce even more sebum.
This type of skin requires particularly thorough cleansing to prevent the hair follicles becoming clogged and the formation of comedones.
Once a week, after cleansing, it is useful to dilate the pores using hot water or a steam bath, before applying a gentle exfoliant.
To close the pores, cold water is sufficient. Oily cosmetics and lotions should be avoided. Exposure to the sun can be useful, because it tends to slow down the production of sebum.
UVA sunlamps can also be used for this purpose, but with extreme moderation, because overuse could dehydrate the skin.
3Do day creams contain UV protection filters?
Of course! It’s now common knowledge that ultraviolet sun rays, together with pollution and lifestyle, pose a real threat to our skin, because they are directly responsible for premature skin aging.
Photoaging is caused by exposure to the sun, which in the long term can cause serious damage to the DNA of the skin cells, added to the damage caused by biological aging.
We also know that our skin, especially the face, but also the hands, is exposed to the sun 365 days a year, even when the sky is cloudy, because UV rays pass through the clouds, even though we cannot see them.
This is why the use of creams with UV protection filters is highly recommended, to avoid the damage they cause as far as possible.
The formulas of the Blue Farm day creams contain City Filters, which protect from the sun while maintaining a light texture.
During the summer, or when travelling to places where the sun’s rays are particularly strong, more specific suncare products, with higher protection filters, are of course recommended.

Sun protection

1How to choose the right Blue Farm SunCare treatment?
Two essential criteria should be applied for choosing the right suncare product: the level of exposure and your phototype (level of sensitivity to the sun).
Exposure to sunlight can be divided into:

- moderate exposure: outdoor activity
- significant exposure: time spent on the beach and outdoor activities performed for prolonged periods of time
- extreme exposure: tropical latitudes, mountains and glaciers (regattas, sports and prolonged activities on the beach, skiing, etc.)

Phototype is determined by skin and hair colour and by sensitivity to the sun’s rays.
Phototype 1: the skin is extremely sensitive to the sun, with a milky-white colour and freckles, and regularly burns in the sun.

It does not tan, or tans with great difficulty. Phototype 2: the skin is sensitive to the sun and pale in colour, with a few freckles. It often burns in the sun, and takes days of exposure to the sun to tan.

Phototype 3: the skin is light in colour and can occasionally be sensitive to the sun; it tans quite easily, and burns only after intense exposure.

Phototype 4: the skin is resistant and is not sensitive to the sun: it has a matt appearance, tans easily and rarely burns.

Once these factors have been determined, you can consult the TABLE
2How long can I keep the suncare products after opening them?
If we’re talking about how long the product lasts in the bottle/tube/jar, the duration - as for all cosmetics - is indicated inside the universal PAO (Period After Opening) symbol on the back. The number shown inside a drawing of a jar shows for how many months the product lasts after opening.
However, products are often not stored properly (for example, they are taken to the beach in bags without insulation, where they are exposed to excessive changes in temperature, or are even left in direct sunlight), so it is advisable to dispose of any left at the end of the season, and not to re-use them the following year.
Precisely to avoid this kind of waste, the products in the SunCare line are sold in small packs, containing 100 ml at most, ideal for taking with you even on the plane.
3What is SPF?
SPF (Sun Protection Factor) is an index used to indicate the level of protection a suncare product offers against UV rays.
SPF refers to the protection the product provides against UVB rays, and not UVA rays.
By law, suncare products must also contain filters able to protect the skin from UVA rays.
The sun protection factor of a product is determined by tests that include in vitro laboratory tests and in vivo tests on volunteers. With the in vivo method (which is simpler to understand than the in vitro method), the tests are carried out on volunteers, and the SPF is assessed using the MED (Minimal Erythema Dose), which indicates the lowest dose of UV rays needed to cause visible reddening of the skin in volunteers after 24 hours from exposure to the ultraviolet rays.
The ratio between the MED on protected skin and the MED on non-protected skin indicates the numerical value of the Skin Protection Factor: SPF = MED (photo-protected skin) / MED (non-photo-protected skin) For example, if a product has SPF 2, it means that it offers protection for twice the time compared to no protection before the skin becomes red

Qualità e ingredienti

1Alcol e alcoli grassi nei cosmetici
L’alcol alimentare (Alcohol Denat. in INCI), detto anche alcol etilico o etanolo, è un liquido volatile e incolore (quello che comunemente si compra al supermercato, viene per questioni di sicurezza colorato di rosa) e si ottiene dalla fermentazione degli zuccheri della frutta, oppure dagli amidi contenuti nei cereali.
L’alcol naturale non ha niente a che fare con gli alcoli grassi, ottenuti dalla raffinazione di oli minerali, utilizzati in cosmetica per la loro funzione emolliente, simile alla paraffina.
Tuttavia, rispetto all’etanolo, sono meno volatili: ciò significa che, a contatto con la pelle, evaporano meno facilmente.
2Proprietà dell'Alcohol Denat. nei cosmetici
L’alcol puro è molto ben tollerato dalla pelle e le sue proprietà sono:

• annientare i batteri
• sciogliere i grassi
• preservare odore e consistenza del cosmetico
• evitare la contaminazione
• fungere da solvente

Esso evapora rapidamente dopo l’applicazione, riducendo ulteriormente il rischio di irritazioni.
3L'alcol secca la pelle?
Diversi studi hanno dimostrato che l’alcol etilico sulla pelle non provoca perdita d’acqua.
Tuttavia, tra le caratteristiche dell’alcol troviamo le proprietà igroscopiche, cioè di attrarre acqua: una pelle troppo secca dunque, potrebbe veder peggiorare la sua situazione se utilizza cosmetici con elevate concentrazioni di questa sostanza.
La soluzione è scegliere cosmetici di qualità, che oltre all’alcol, contengono estratti altamente idratanti e nutrienti.
4Cos'è l'INCI?
L’INCI, acronimo di International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, è una denominazione internazionale, usata in Europa e in molti altri Paesi al mondo per indicare sull’etichetta gli ingredienti dei cosmetici con lo scopo di tutelare la sicurezza dei consumatori in merito al rischio di allergia dei singoli ingredienti.
Su ogni cosmetico in vendita nell’Unione Europea è obbligatorio indicare la lista degli ingredienti secondo la nomenclatura INCI, in ordine decrescente di concentrazione, partendo dall’ingrediente più presente.
Gli ingredienti al di sotto dell’1% possono essere indicati in ordine sparso alla fine dell’elenco.
È obbligatorio utilizzare l’inglese se gli ingredienti botanici hanno subito trasformazioni prima di essere utilizzati. Nel caso in cui, invece, la materia non abbia subito trasformazioni, viene indicato il suo nome latino. Per i coloranti, infine, si utizzano le numerazioni del Colour Index.
5Quali sostanze contengono i sieri Blue Farm?
La nuova generazione di sieri Perfect Beauty sono ad effetto booster, una tecnologia cosmetica in grado di donare al derma un trattamento concentrato molto potente e dall’effetto quasi immediato. Sono veri e propri concentrati di principi attivi dove vale la regola: 1 + 1 = 3 ovvero, la sinergia delle proprietà degli attivi è superiore alla capacità delle singole parti.
Proposti in piccoli flaconi con il pratico dosatore a contagocce, i sieri-booster sono formule ultraconcentrate che possono contenere un solo attivo come la Vitamina C, l’Acido Jaluronico o le cellule staminali, oppure una combinazione studiata ad arte per ottenere un particolare effetto (detossinare la pelle, nutrire oppure potenziare al massimo l’idratazione).
La texture è ultrafluida che, oltre a consentire una penetrazione rapidissima, permette una maggiore concentrazione di principio attivo.
Importante è anche dire cosa NON contengono i nuovi sieri Blue Farm: essi sono senza parabeni, coloranti, petrolati, sles/sls e oli minerali.
6Cos'è il "metodo personalizzato"?
Ormai è risaputo: la pelle normale non esiste, come non esiste una pelle che presenti un solo tipo di inestetismo.
In un mondo sempre più tecnologico e sempre più stressante, la vita è diventata via via più complicata e caotica, con ripercussioni negative sia sul nostro stile di vita, che sulla nostra psiche, benessere e, purtroppo, anche sul nostro aspetto esteriore.
Per questo, Blue Farm ha abbandonato il classico sistema di concepire i cosmetici dedicati al viso suddividendoli in linee specifiche basate sul tipo di pelle (secca, impura, matura, ecc.) e ha ideato il metodo personalizzato basato sullo stato o condizione attuale della pelle, concependo i prodotti tutti possibili di sinergia tra loro.

Ad esempio: in una pelle che presenta eccessiva produzione di sebo e impurità, quali cosmetici è giusto consigliare?
Secondo il sistema classico, i cosmetici ad essa dedicati nelle varie linee per pelli grasse sono i cosiddetti seboequilibranti e depurativi: prodotti con lo scopo di eliminare l’effetto unto superficiale, che “sgrassano” la pelle con risultati solo apparentemente migliorativi, in quanto la pelle così aggredita risponderà aumentando maggiormente la produzione di sebo e acuendo l’infiammazione sottostante.
Da ricordare, infatti, che lo strato lipidico superficiale rappresenta la difesa della nostra pelle e il suo equilibrio è fondamentale per la sua salute.
Blue Farm, al contrario, considera la causa dell’inestetismo e cioè l’infiammazione sottostante e l’alterazione del film idrolipidico: l’obiettivo primario diventa, quindi, calmare e lenire l’infiammazione all’origine e riequilibrare il pH che ha causato lo stato di eccessiva produzione di sebo.

A questo punto, si capisce come un cosmetico lenitivo e idratante, che nel sistema classico è dedicato alle pelli sensibili, sia la scelta migliore per affrontare la causa della pelle grassa abbinandolo in un successivo momento ad un prodotto depurativo per affrontarne gli effetti.
7Posso utilizzare i prodotti per il viso Blue Farm abbinandoli fra loro?
I prodotti cosmetici Blue Farm sono veri e propri trattamenti di bellezza per la cura del viso.
Le loro formule sono studiate per risultare il più possibile dermoaffini in modo da aumentare la loro capacità di attraversamento della barriera cutanea naturale e giungere agli strati più profondi dove risiedono la maggior parte delle cause degli inestetismi e dove, quindi, i principi attivi possono svolgere la loro funzione in maniera più efficace possibile. Le texture sono leggere e su base acquosa; risultano essere piacevoli e di gradevole comfort, e, nel caso delle creme, senza appesantire ed evitando l’antiestetico effetto unto.
Tra i diversi prodotti cosmetici di Blue Farm c’è totale compatibilità al fine di ottimizzare l’azione ed ottenere i migliori risultati nel tempo minore possibile.
8Parabeni nei cosmetici: fanno davvero male?
Sono antisettici, cioè servono a preservare i cosmetici dalle contaminazioni di funghi e batteri. Secondo l’elenco Inci (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) i parabeni maggiormente dannosi per la salute sono:

• Methylparaben
• Ethylparaben
• Propylparaben
• Isobutylparaben
• Butylparaben
• Benzylparaben
• Isobutylparaben
• Isopropylparaben

Il motivo? Si tratta di sostanze che interferiscono con il sistema ormonale, in particolare con l’attività degli estrogeni.

Non solo, anche alcune forme di dermatite da contatto, nei soggetti sensibili, sono imputabili a questi interferenti endocrini.
Di recente, in Europa, ne è stato vietato l’impiego; tuttavia, di alcuni, si è stabilito soltanto di restringere le quantità consentite.
È il caso del Methylparaben, presente soprattutto nei cosmetici, negli shampoo e nei saponi, e dell’Ethylparaben. Alle attuali concentrazioni, e cioè 0,4% se usati da soli o 0,8% se impiegati con altre sostanze, sono considerati sicuri.

Cura del viso

1Quali sono le cause della pelle grassa?
La produzione del sebo è regolata da stimoli ormonali. In particolare, gli ormoni androgeni come il testosterone (peraltro presenti anche nelle donne) e il progesterone ne stimolano la secrezione, mentre gli estrogeni tendono a ostacolarla.
Anche gli ormoni delle ghiandole surrenali, tra cui il cortisolo, aumentano la produzione di sebo, e questa è la ragione per cui lo stress è spesso all'origine del disturbo.
Esistono comunque anche fattori genetici che predispongono a un’eccessiva produzione di sebo, un tratto che spesso è presente nei membri di una stessa famiglia.
Quando il sebo diventa troppo spesso e ceroso, ostacola la traspirazione cutanea e occlude i follicoli piliferi, creando un ambiente favorevole allo sviluppo di microrganismi.
Ciò favorisce lo sviluppo di brufoli e, attraverso l'infiammazione che determina, può aggravare l'acne, che ha un'origine differente sia pure legata sempre a meccanismi ormonali.
2Cosa fare e cosa non fare in caso di pelle grassa.
La pelle grassa va trattata con specifici detergenti delicati, eventualmente addizionati con sostanze che inibiscono la riproduzione batterica, come l’acido azelaico o il benzoil perossido.
Va assolutamente evitata una detersione eccessiva o a base di detergenti aggressivi, come i tensioattivi alcalini (presenti nelle comuni saponette), che stimola le cellule della pelle a una produzione di sebo ancora superiore. Questo tipo di pelle necessita peraltro di una pulizia particolarmente accurata per evitare l'occlusione dei follicoli e la formazione di comedoni.
Una volta alla settimana, dopo la detersione è bene far dilatare i pori con l'uso di acqua calda o di un bagno di vapore per procedere quindi all'applicazione di un esfoliante delicato. Per far richiudere i pori è sufficiente l'uso di acqua fredda.
Vanno evitate lozioni e cosmetici oleosi. Può essere utile l'esposizione della pelle al sole, che tende a rallentare la produzione di sebo. A questo scopo si può fare ricorso anche alle lampade UVA, ma con estrema moderazione, perché un loro uso eccessivo potrebbe disidratare la pelle.
3Le creme da giorno contengono filtri di protezione UV?
Certo! È più che risaputo ormai che i raggi solari ultravioletti, insieme all’inquinamento e allo stile di vita condotto, rappresentano una vera e propria minaccia per la nostra pelle, essendo i diretti responsabili dell’invecchiamento cutaneo precoce.
Il cosiddetto fotoinvecchiamento (in inglese photoaging) è, infatti, causato dall’esposizione al sole che a lungo andare provoca veri danni al DNA delle cellule della pelle, i quali si sommano a quelli dell’invecchiamento biologico.
È risaputo anche che la nostra pelle, soprattutto quella del viso, ma anche delle mani, è esposta al sole 365 giorno l’anno e anche in presenza di nuvole, poiché i raggi UV passano attraverso anche se a noi non sono visibili.
Per questo motivo, è estremamente raccomandato utilizzare creme con all’interno filtri di protezione UV per evitare il più possibile i danni da loro causati.
Le formule delle creme viso da giorno Blue Farm contengono City Filters, ovvero filtri solari più leggeri che non appesantiscono la texture. Ovviamente, nel periodo estivo o in caso di viaggi in località a più forte irradiazione, è consigliato utilizzare i prodotti solari più specifici e con filtri di protezione più alti.

Protezione solare

1Come scegliere il proprio trattamento solare SunCare di Blue Farm?
Per scegliere il prodotto giusto solare più corretto, si utilizzano due criteri fondamentali: il grado di esposizione e il proprio fototipo (sensibilità al sole).
Riguardo al grado di esposizione solare, si distingue in:

- esposizione moderata: attività all’aria aperta
- esposizione importante: spiaggia e attività svolte all’aperto per periodi di tempo prolungati
- esposizione estrema: latitudini tropicali, montagna e ghiacciai (regate, sport e attività prolungate in spiaggia, sci, ecc.)

Riguardo al fototipo, esso è determinato dal colore della pelle, dei capelli e dalla sensibilità ai raggi solari.
Fototipo 1 : la pelle è estremamente sensibile al sole e di colore bianco latte con lentiggini che sistematicamente si scotta al sole.
Non si abbronza o si abbronza con estrema difficoltà

Fototipo 2 : la pelle è sensibile al sole, di colore chiaro con qualche lentiggine.
Spesso si scotta se esposta al sole e si abbronza dopo parecchi giorni di esposizione

Fototipo 3 : pelle qualche volta sensibile al sole, di colore chiaro, si abbronza abbastanza facilmente senza scottature se non dopo un’esposizione intensa

Fototipo 4 : pelle resistente e non sensibile al sole, che si abbronza facilmente, aspetto mat, che difficilmente si scotta

Determinati questi fattori si può fare riferimento alla TABELLA
2Quanto posso conservare il prodotto solare aperto?
Se parliamo di durata del prodotto all’interno della confezione, la durata, come per tutti i prodotti cosmetici, è indicata all’interno di un simbolo universale, il PAO (Period After Opening) che si trova sul retro di tutte le confezioni: si tratta di un numero (che indica i mesi) contenuto all’interno del disegno di un vasetto che segnala quanti mesi dura il prodotto dalla sua apertura.
Molto spesso però i prodotti vengono conservati non propriamente bene (ad esempio sono portati in spiaggia all’interno di borse non termiche dove subiscono forti sbalzi termici o addirittura sono lasciati sotto il sole diretto), per cui si consiglia di buttare le rimanenze quando si finisce la stagione e non utilizzarle l’estate successiva.
Per evitare proprio questi sprechi, i prodotti della linea SunCare sono confezionati in imballi dal contenuto ridotto, 100 ml al massimo, ideali anche per essere portati tranquillamente in aereo.
3Che cos’è l’SPF?
L’SPF (Sun protection Factor) è un indice utilizzato per rappresentare il livello di protezione di un prodotto solare contro i raggi UV.
Il valore di SPF si riferisce alla protezione fornita dal prodotto nei confronti dei raggi UVB e non dei raggi UVA.
Per legge, i prodotti solari devono contenere anche filtri che siano in grado di proteggere la pelle dalle radiazioni ultraviolette di tipo A.
La determinazione del fattore di protezione solare di un dato prodotto viene effettuata mediante appositi test che prevedono prove di laboratorio in vitro e prove su volontari in vivo.
Nel metodo in vivo (più semplice da capire rispetto a quello in vitro), i test vengono eseguiti su volontari e l’SPF viene valutato attraverso la MED (Dose Minima Eritematogena), che indica la più bassa dose di raggi UV richiesta per produrre nei volontari un arrossamento cutaneo visibile a distanza di 24 ore dall’esposizione alle radiazioni ultraviolette.
Il rapporto tra le MED su cute protetta e quella su cute non protetta indica il valore numerico del Fattore di Protezione Solare: SPF = MED (cute fotoprotetta) / MED (cute non fotoprotetta) Per esempio, un prodotto con SPF 2, indica che una persona può esporsi alla radiazione solare il doppio del tempo rispetto l’assenza di protezione prima che si verifichi l’insorgenza dell’erite

Any other questions about Bluefarm products
and treatments? If so, write to us
we’ll be happy to help at any time.

English